C'è Un Mondo - il tuo negozio BIO ed EQUO a Bologna e online

My Cart

Mini Cart

Vino Rosso Centopassi Sicilia Bio Libera Terra
9.2

Vino Rosso Centopassi Sicilia Bio Libera Terra

9,20 €
DOC Superiore 75 cl
Disponibilità:Esaurito
SKU lib008
Descrizione

Centopassi Rosso Sicilia DOC 2014

VITIGNI
Nero d’Avola 70%, Merlot 15%, Syrah 15%

TIPOLOGIA
Sicilia Denominazione d’Origine Controllata

VIGNETI
Tagliavia (500 m/slm) a Monreale,
Don Tomaso (400 m/slm) a San Cipirello

GRADAZIONE ALCOLICA
13,5%

METODO DI COLTIVAZIONE
biologico

SISTEMA DI POTATURA DELLE VIGNE
guyot

SESTO DI IMPIANTO
0,85 x 2,40

VENDEMMIA
manuale, inizio di settembre

RESE
80 quintali/Ha

Centopassi Rosso è il frutto di uve provenienti da vigneti situati negli altopiani dell’entroterra siciliano, ad almeno 400metri di altitudine.

È dedicato a tutti coloro che onorano il ricordo delle vittime della mafia attraverso il proprio impegno quotidiano.

Cura maniacale nel vigneto e costante attenzione alla qualità sono alla base del lavoro quotidiano di Centopassi. Le vigne recuperate all'abbandono e quelle di nuovo impianto accolgono i vitigni che hanno dimostrato di interpretare al meglio il territorio siciliano.

La messa in funzione, dalla vendemmia 2009, della cantina aziendale a San Cipirello, è un altro importantissimo passo verso l'eccellenza.

IL PROGETTO: LIBERA e LIBERA TERRA

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" è nata nel marzo 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, tutte territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalità democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera, che è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.

Libera Terra è il marchio che raggruppa varie cooperative che aderiscono alla rete dell'associazione Libera. Le cooperative aderenti producono alimenti biologici sui terreni confiscati alle organizzazioni mafiose in Sicilia, Puglia, Campania e Calabria, sulla base della legge 109/1996, che ha permesso il riutilizzo sociale dei beni confiscati ai mafiosi.  

Esperienza pilota è stata la cooperativa Placido Rizzotto Libera Terra di San Giuseppe Jato, partita nel 2001 con 155 ettari nell'Alto Belice Corleonese, in collaborazione con il Consorzio di Comuni Sviluppo e Legalità - una struttura amministrativa costituita ad hoc e che è proprietaria dei terreni, ceduti a titolo gratuito alle cooperative. Placido Rizzotto e Terre di Puglia (di Mesagne) hanno dato vita, successivamente, alla Società Consortile Libera Terra Mediterraneo, che collabora con altre associazioni che si occupano di alimentazione biologica (Alce Nero & Mielizia, Fondazione Slow Food per la Biodiversità), di turismo (Firmatour) e di finanza sociale (Banca Popolare Etica, Coopfond). Al nucleo iniziale si sono aggiunte altre cooperative: Valle del Marro, attiva nella Piana di Gioia Tauro, in Calabria; Le Terre di don Peppe Diana, in Campania, a Castel Volturno. Il Consorzio si propone di stimolare la nascita di un circuito di economia legale, nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dell'ambiente, che permetta di restituire valore alle terre sottratte ai mafiosi e di rafforzare il mercato legale del lavoro nelle aree meridionali.

La Cooperativa Sociale Placido Rizzotto - Libera Terra nasce nel 2001 grazie al progetto Libera Terra, promosso dall'associazione Libera e dalla Prefettura di Palermo: le terre confiscate ai boss mafiosi del corleonese, dopo anni di abbandono, sono così tornate a essere coltivate. La Cooperativa opera sulle terre del Consorzio dei Comuni "Sviluppo e Legalità", ove effettua l'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, creando opportunità occupazionali e ispirandosi ai principi della solidarietà e della legalità. 

La Cooperativa Sociale di Lavoro e Produzione Valle del Marro-Libera Terra è stata costituita nel 2004, e coltiva in Calabria, nella Piana di Gioia Tauro, 60 ettari di terreni confiscati alla ‘ndrangheta. I soci fondatori sono un gruppo di giovani che, con la loro chiara scelta etica e imprenditoriale, hanno deciso da quale parte stare, rifiutando la logica del compromesso, l'apatia del quieto vivere e la rassegnazione culturale all'onnipotenza mafiosa. La missione dell'impresa è quella di contribuire allo sviluppo durevole della comunità, creando nel comparto agricolo un rinnovato spirito di iniziativa imprenditoriale, stimolando nuove forme di cooperazione e tenendo alta l'attenzione antimafia. L'attività produttiva in regime di agricoltura biologica ha portato fino ad ora alla commercializzazione di svariati prodotti: melanzane a filetti, pesto di peperoncini piccanti, miele, olio extra vergine di oliva.

Recensioni

Write Your Own Review

You're reviewing: Vino Rosso Centopassi Sicilia Bio Libera Terra

ACQUISTA IN SICUREZZA

Dettagli
 
SERVIZIO CLIENTI 

Lunedì - Sabato 9 - 19.30

in live chat

 

 
100% PAGAMENTO SICURO 

Paga in tutta tranquillità,

sito certificato SSL

 

 
CORRIERE ESPRESSO

Spedizione veloce in 5 giorni lavorativi

(eccetto per bomboniere e alcuni articoli)

 
RESO FACILE

30 giorni per il cambio